Assistenza di lungo termine: le proposte operative emerse dal webinar di Conf. Salute

Partire dal rapporto “Putting Quality First – Contracting for Long-Term Care”, dell’European Social Network (ESN), per fornire proposte operative utili al raggiungimento di standard più elevati nell’accesso ai servizi di assistenza di lungo termine. Questo l’obiettivo di Assistenza di lungo termine: alcune proposte operative, il nuovo webinar di Confcommercio Salute tenutosi giovedì 18 marzo 2021.

Relatrice del webinar è stata Alessandra Servidori, partner di ESN Rete Europea Servizi, docente ed esperta di politiche del welfare. Il dibattito, moderato dalla dottoressa Barbara Maiani, Responsabile nazionale relazioni sindacali di Confcommercio Salute Sanità e Cura, ha visto l’introduzione di Luca Pallavicini, Presidente nazionale di Confcommercio Salute, Sanità e Cura.

Il rapporto dell’ESN include numerosi esempi di buone pratiche in cui l’obiettivo è migliorare la qualità dell’assistenza a lungo termine. Questi fungono da riferimento per i servizi pubblici di tutta Europa. Quali sono stati gli spunti più importanti emersi dal webinar di Confcommercio Salute? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Barbara Maiani.

Dottoressa Maiani, innanzitutto quali sono state le suggestioni più importanti all’interno del rapporto dell’ESN e che hanno stimolato il webinar di Confcommercio Salute?
«Una delle suggestioni del rapporto ESN è stato senza dubbio il trattamento premiale per il personale dipendente dell’Rsa: si tratta dell’introduzione di clausole sociali per i dipendenti di Rsa, prendendo spunto da alcune best practice in alcuni Paesi europei come Spagna e Francia. Lo spunto vale in un contesto comunitario: tuttavia, pur essendo questa una soluzione auspicabile, mal si concilia con il fatto che in Italia le Regioni e lo Stato non tengano conto dell’effettivo costo sostenuto dalle Rsa in questo ultimo anno rispetto ai ristori concessi per la pandemia. Così diventa difficile incrementare il salario dei dipendenti in maniera variabile. Viceversa, tale premialità dovrebbe essere fornita secondo il livello di contrattazione operando con un principio di sussudiarietà. Durante il webinar si è anche toccato il delicato tema della concorrenza che, nell’ultimo anno e mezzo, la pubblica amministrazione ha operato nei confronti del settore privato, depauperando di fatto il settore privato di personale già formato offrendo condizioni economiche contrattuali alle quali il settore privato non può far fronte. Altra domanda molto interessante emersa durante il webinar: ci si è chiesti su quale livello, nazionale o regionale, ci si dovrebbe occupare di standard di servizi (i cosiddetti Lea, Livelli Essenziali di Assistenza): in questo senso il livello regionale appare essere quello più indicato. Da sottolineare come il rapport ESN ponga l’accento su un futuro in cui i servizi sociali si sposteranno verso un’assistenza domiciliare (la cosiddetta Rsa Aperta) piuttosto che verso quella residenziale: un cambiamento positivo, attualmente si stanno facendo tentativi in varie regioni d’Italia, ma si tratta di una soluzione antieconomica: ciò che viene riconosciuto ad un ente privato non può nemmeno ricoprire i costi medi del servizio».

Quali proposte operative sono emerse dal webinar?
«Una proposta operativa lanciata proprio dalla relatrice Alessandra Servidori, partner di ESN Rete Europea Servizi, è stata quella di studiare un sistema di premialità verso i dipendenti delle Rsa e sviluppare nuovi servizi di qualità che si possano discostare da un’assistenza residenziale. È emersa anche la necessità di potenziamento e ridefinizione del quadro degli interventi: per fare ciò è necessario investire su informazione e tecnologia».

I webinar di Confcommercio Salute non si fermano qui, vista la loro utilità nel fornire risposte e proposte in questo periodo di incertezze: quale argomento tratterà il prossimo webinar? C’è già una data?
«Effettivamente c’è stata grande partecipazione a questo ultimo webinar: hanno partecipato sia persone provenienti dalle Rsa sia parti sociali e sindacalisti. Il prossimo webinar di Confcommercio Salute Sanità e Cura è già fissato per il 15 aprile 2021, sempre alle ore 17, e avrà come tema il Silver Fundraising. Sarà relatrice Raffaela Gallini dell’Università degli Studi di Genova. Già in questo ultimo webinar appena concluso, parlando di formazione, si è scoperto che l’Università di Genova ha un laboratorio in cui insegna agli Oss l’utilizzo di assistenza alle persone anziane attraverso la domotica e la teleassistenza».

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche

News

Cover stories