Futuro delle Rsa: quali proposte operative? L’intervento del presidente Pallavicini al convegno di Aip Liguria

«Durante la pandemia, molte Rsa hanno saputo reagire mantenendo il virus lontano dalle strutture in attesa del vaccino, tra prevenzione e mitigazione dei rischi di contagio». Lo ha sottolineato il Presidente di Confcommercio Salute, Sanità e Cura, Luca Pallavicini, intervenuto nel convegno di Aip Liguria (Associazione Italiana di Psicogeriatria) dal titolo “Anche Covid, ma non solo: l’approccio globale della psicogeriatria”.

E’ stata un’importante occasione per tracciare proposte operative e requisiti fondamentali per il futuro delle Rsa: «È importante fare in modo che le persone fragili residenti non si sentano in un luogo di cura bensì in un luogo di vita, di quotidianità: un valore aggiunto a cui puntare per il futuro – ha spiegato Pallavicini – Confcommercio Salute sta portando avanti diverse iniziative di residenzialità diffusa, in Liguria e non solo: la soddisfazione più grande è quella di aver riportato a uno stato di autosufficienza persone fragili con un forte disagio sociale dato dall’isolamento, avendo restituito loro la voglia di vivere in comunità. Continueremo a sostenere la residenzialità diffusa, proponendo iniziative anche a Roma, Milano e Napoli. Promuoveremo poi attività di prevenzione nelle Rsa, fornendo risorse per tutelare gli ospiti delle strutture e il personale socio-sanitario».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Altri video