Spesa per le Rsa per la cura degli anziani in Italia: forte il divario tra Nord e Sud

La spesa media in servizi sanitari residenziali per anziani è di quattro volte inferiore nel Sud Italia rispetto alle regioni del Nord. A livello più generale la distribuzione delle Rsa sul territorio nazionale, messe in ginocchio durante la prima e seconda ondata Covid, sembra più legata alle risorse a disposizione delle Regioni e a fattori di mercato del lavoro femminile che ai reali bisogni degli anziani. Lo rivela uno studio condotto da due ricercatrici dell’Università La Sapienza di Roma e pubblicato sullo European Journal of Health Economics, ideato per comprendere la mortalità nelle prime fasi della pandemia.

Lo studio ha confermato la presenza di un gradiente Nord-Sud nella spesa per le residenze dedicate agli anziani: la spesa in Rsa per ogni ultra-65enne residente delle regioni del Nord è doppia rispetto a quelle del Centro e quattro volte più alta rispetto a quelle del Sud. La spesa, inoltre, è inversamente correlata al bisogno di salute degli anziani. Quel che sembra incidere sulla spesa sono variabili di tipo economico e di mercato del lavoro. Ne è un esempio il caso della disoccupazione femminile: la ricerca ha mostrato che la spesa per Rsa è più bassa in quelle regioni in cui è minore la percentuale di donne occupate.

Lo studio ha messo in luce come la spesa nelle strutture sia inversamente correlata al bisogno di salute degli anziani. Per esempio è inferiore laddove la presenza di anziani con salute precaria è più alta: in Calabria, dove l’aspettativa di vita in salute a 65 anni è poco superiore ai tre anni, vi è una spesa per servizi sanitari residenziali pari a un terzo della media nazionale; allo stesso tempo, la provincia di Bolzano, che ha un’aspettativa di vita in buona salute tra le più alte d’Italia, spende cinque volte più della media.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche

News

Cover stories