Super Green Pass, via alle nuove regole: il vademecum su obblighi, booster e Rsa

Lunedì 10 gennaio 2022 è una data significativa: sono infatti entrate in vigore le nuove regole legate al Super Green Pass (che si ottiene solo con la vaccinazione o con la guarigione dal Covid-19) contenute nel decreto dello scorso dicembre. Regole valide in tutta Italia, a prescindere dai colori delle regioni, che resteranno in vigore fino al 31 marzo 2022.

Cambiati e accorciati anche i tempi per la somministrazione della dose booster (terza dose) del vaccino anti-Covid: sarà possibile riceverla dopo almeno 4 mesi dalla conclusione del ciclo primario, anziché 5. Si sono aperte, inoltre, le somministrazioni della dose aggiuntiva per i ragazzi tra i 12 e i 15 anni.

Ricordiamo che era già in vigore l’obbligo di Super Green Pass per accedere alle strutture residenziali, socio-assistenziali, socio-sanitarie e hospice. Chi ha fatto due dosi di vaccino ma non il booster deve anche presentare un tampone negativo eseguito nelle 48 ore precedente.

Riassumiamo qui le nuove regole valide dal 10 gennaio 2022.

Super Green Pass obbligatorio

Il Super Green Pass serve per utilizzare i mezzi di trasporto pubblico o privato di linea: aerei, treni, navi e traghetti, autobus e pullman di linea che collegano più di due Regioni, autobus e pullman adibiti a servizi di noleggio con conducente, mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale. Fanno eccezione i mezzi pubblici da e per le isole minori, per i quali fino al 10 febbraio basta il Green Pass base. A stabilirlo un’ordinanza del ministero della Salute, che precisa inoltre che il trasporto scolastico dedicato non è equiparato al trasporto pubblico locale in merito alla disciplina del Green Pass ed è accessibile fino al 10 febbraio agli studenti, anche sopra i 12 anni, con solo obbligo di mascherina Ffp2.

Super Green pass necessario anche per le consumazioni all’aperto in bar e ristoranti (era già necessario per le consumazioni al banco e al tavolo al chiuso) e obbligatorio anche per alloggiare nelle strutture ricettive e per usufruire dei servizi di ristorazione interni, al chiuso e all’aperto.

Sul fronte dell’attività sportiva, diventa necessario il Green Pass rafforzato anche per l’accesso agli impianti di risalita nei comprensori sciistici. Serve il Super Green Pass anche per l’attività sportiva o motoria, all’aperto e al chiuso, in palestre, piscine, centri natatori, per l’accesso agli spogliatoi e alle docce, per sport di squadra e attività sportiva in centri e circoli sportivi, all’aperto e al chiuso, e per sport di contatto al chiuso.

Green Pass rafforzato necessario anche per l’accesso a mostre, musei e altri luoghi della cultura, compresi archivi e biblioteche, parchi tematici e di divertimento. Serve anche per i centri culturali, centri sociali e ricreativi, sia all’aperto sia al chiuso, ed è necessario per l’accesso ai centri benessere (all’aperto e al chiuso) e ai centri termali (salvo che per livelli essenziali di assistenza e le attività riabilitative o terapeutiche).

Il Green Pass rafforzato è obbligatorio anche per l’accesso a sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò.

Altre date significative

Dal 20 gennaio la certificazione in versione “base” occorrerà anche per andare da barbiere, parrucchiere ed estetista, e dal primo febbraio per accedere ad un qualunque ufficio pubblico o a servizi postali, bancari e finanziari e alle attività commerciali con l’eccezione dei servizi per il soddisfacimento “di esigenze essenziali e primarie della persona”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche

News

Cover stories

Iscriviti alla Newsletter