Covid, quarantena più corta per i vaccinati con contatto positivo: i dettagli

Da 10 a 7 giorni. Questo lo “sconto” sui tempi della quarantena di cui possono beneficiare i vaccinati contro il Covid che siano venuti a contatto con un caso positivo. Il Ministero della Salute lo ha comunicato con la circolare datata 11 agosto 2021: “I contatti asintomatici ad alto rischio (contatti stretti) di casi con infezione da Covid  identificati dalle autorità sanitarie, se hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni – si legge nel  documento – possono rientrare in comunità dopo un periodo di quarantena di almeno 7 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo”.

La circolare sottolinea: “Qualora non fosse possibile eseguire un test molecolare o antigenico tra il settimo e il quattordicesimo giorno, si può valutare di concludere il periodo di quarantena dopo almeno 14 giorni dall’ultima esposizione al caso, anche in assenza di esame diagnostico molecolare o antigenico per la ricerca di Covid. I contatti asintomatici a basso rischio di casi con infezione da Covid identificati dalle autorità sanitarie, se hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni, non devono essere sottoposti a quarantena, ma devono continuare a mantenere le comuni misure igienico-sanitarie previste per contenere la diffusione del virus”.

Secondo la circolare, qualora i contatti ad alto rischio siano operatori sanitari o altre persone che forniscono assistenza diretta ad un caso Covid, o personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso Covid che hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni, non si applica la misura della quarantena bensì la sorveglianza sanitaria attiva dall’ultima esposizione al caso.

“I contatti asintomatici ad alto rischio (contatti stretti) di casi con infezione da Covid da variante VOC non Beta sospetta o confermata o per cui non è disponibile il sequenziamento, identificati dalle autorità sanitarie, che non hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni – continua la circolare – possono rientrare in comunità dopo un periodo di quarantena di almeno 10 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo. Qualora non fosse possibile eseguire un test molecolare o antigenico tra il decimo e il quattordicesimo giorno, si può valutare di concludere il periodo di quarantena dopo almeno 14 giorni dall’ultima esposizione al caso, anche in assenza di esame diagnostico molecolare o antigenico per la ricerca di Covid”.

Infine si ricorda che “I casi Covid da variante VOC non Beta sospetta o confermata o per cui non è disponibile il sequenziamento che continuano a risultare positivi al test molecolare o antigenico per la ricerca di Covid, in caso di assenza di sintomatologia da almeno 7 giorni (fatta eccezione per ageusia/disgeusia e anosmia), potranno interrompere l’isolamento al termine del 21° giorno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche

News

Cover stories