Disabilità, accesso ai servizi di mobilità, integrazione: ecco una Commissione di studio ad hoc

Favorire l’integrazione sociale delle persone con disabilità e rafforzare i loro diritti per la fruizione dei servizi di mobilità. Sono gli obiettivi principali della Commissione di studio istituita con decreto dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e dal Ministro per le Disabilità.

L’eliminazione di tutte le barriere, sia quelle architettoniche che quelle legate alla comunicazione, è un’azione fondamentale – ha dichiarato il Ministro per le Disabilità, Erika Stefani – per garantire il diritto alla mobilità e l’accesso ai servizi delle persone con disabilità”.

Obiettivi della Commissione

La Commissione lavorerà rispettando i principi della progettazione universale ‘design for all’, affinché ogni luogo e ogni servizio sia inclusivo per tutti. L’obiettivo è creare un contesto pienamente inclusivo e accessibile per le persone con disabilità, realizzando così un ambiente sicuro per tutti. La Commissione ha l’incarico di fornire analisi, supporto e consulenza su molteplici aspetti tra cui: l’adeguatezza e l’effettività dei diritti delle persone con disabilità con riguardo all’abitazione e alla mobilità; il rilancio della legge sull’eliminazione delle barriere architettoniche negli uffici privati; l’incentivazione e la promozione delle politiche locali per l’eliminazione delle barriere architettoniche nelle città e negli spazi pubblici; l’implementazione degli spazi riservati alle persone con disabilità per il parcheggio gratuito; la verifica dello stato di attuazione della piattaforma nazionale Cude (Contrassegno unificato disabili europeo) che consente ai titolari del Contrassegno il transito nelle ZTL anche al di fuori del Comune di residenza.

Entro sei mesi dal suo insediamento la Commissione presenterà ai Ministri – ha concluso Stefani – una relazione sull’attività svolta, proponendo azioni mirate e spunti per eventuali modifiche normative”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche

News

Cover stories

Iscriviti alla Newsletter