Diabete, allarme Oms: “Un paziente su due non ha accesso all’insulina”. Sei azioni necessarie

Si è tenuta domenica 14 novembre la Giornata Mondiale del Diabete 2021, iniziativa lanciata nel 1992 dalla Federazione Internazionale del Diabete (IDF) e dall’Oms. Lo scopo, oggi come allora, rimane quello di sensibilizzare la popolazione circa l’aumento vertiginoso dei casi e l’importanza della prevenzione. L’Onu e l’Oms infatti considerano il diabete una delle tre emergenze sanitarie del pianeta insieme con la tubercolosi, la malaria e, in tempi più recenti, il Covid. In particolare il diabete tipo 2 è una malattia trasmissibile, perché trasmissibili sono i geni che predispongono alla malattia e trasmissibile è lo stile di vita scorretto che caratterizza la società moderna. Un vaccino contro il dibete non esiste: esiste però la conoscenza della malattia, che consentirebbe chi non ne è affetto di evitarla e chi ne soffre di gestirla al meglio.

Innanzitutto, da cosa è causato il diabete? Si manifesta quando l’organismo produce in quantità insufficiente l’insulina, un ormone secreto dal pancreas e necessario al metabolismo dei carboidrati. La tipologia di diabete più diffuso è il diabete mellito di tipo 2 DMT2 (il 95% circa dei casi), che si riscontra negli adulti e nella popolazione anziana. Il diabete è causato anche e soprattutto dallo stile di vita sedentario del soggetto, poco attento alla salute e alla dieta, associato a obesità e malnutrizione. Quasi 3,4-4 milioni di italiani, adulti e anziani, soffrono di diabete di tipo 2. Una persona ogni sei nella fascia oltre i 65 anni: 1,5 milioni di persone ha il diabete, ma ancora non è stato diagnosticato.

La Giornata Mondiale del Diabete 2021 coincide poi con un’altra importante ricorrenza: 100 anni fa veniva scoperta l’insulina. Ma proprio in occasione del centenario di questo importante avvenimento, uno studio dell’Oms lancia l’allarme: “Gli scienziati che hanno scoperto l’insulina 100 anni fa – spiega il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus – si sono rifiutati di trarre profitto dalla loro scoperta e hanno venduto il brevetto per un solo dollaro. Purtroppo, quel gesto di solidarietà è stato superato da un business multimiliardario che ha creato ampi divari di accesso. L’Oms sta lavorando con paesi e produttori per colmare queste lacune e ampliare l’accesso a questo medicinale salvavita per tutti coloro che ne hanno bisogno”. Perchè secondo l’Oms, “una persona su due che necessita di insulina per il diabete di tipo 2 non la ottiene“.

Le cause principali delle lacune nell’accesso globale all’insulina sono molteplici secondo l’Oms:

  • Il passaggio del mercato globale dall’insulina umana, che può essere prodotta a costi relativamente bassi, agli analoghi più costosi (insulina sintetica) sta imponendo un onere finanziario insostenibile ai paesi con basso reddito.;
  •  Tre multinazionali controllano oltre il 90% del mercato dell’insulina, lasciando poco spazio alle aziende più piccole per competere per le vendite di insulina;
  • La regolamentazione e le politiche non ottimali, l’approvvigionamento e la gestione della catena di approvvigionamento deboli, i finanziamenti insufficienti per coprire la domanda e una governance complessivamente debole stanno influenzando l’accesso all’insulina e ai relativi dispositivi, come i dispositivi di monitoraggio e somministrazione, in tutti i paesi;
  • Capacità e infrastrutture del sistema sanitario insufficienti, inclusa la mancanza di integrazione dei servizi a livello di cure primarie, capacità inadeguata di fornire cure per il diabete e garantire la continuità della fornitura e infrastrutture per la gestione delle informazioni, la gestione della fornitura e la produzione locale di insulina sono sfide diffuse nelle persone a basso reddito Paesi;
  • La ricerca è orientata verso i mercati ricchi, trascurando le esigenze di salute pubblica dei paesi a basso e medio reddito, che rappresentano l’80% del carico di diabete.

Il rapporto Oms suggerisce diverse azioni per migliorare l’accesso alle insuline e ai prodotti correlati, tra cui:

  • Incrementare la produzione e l’offerta di insulina umana e diversificare la base di produzione per le insuline analogiche biosimilari per creare concorrenza e ridurre i prezzi;
  • Migliorare l’accessibilità regolando prezzi e maggiorazioni, utilizzando appalti in comune e migliorando la trasparenza nel modo in cui i prezzi sono fissati;
  • Promuovere la capacità produttiva locale nelle regioni meno servite;
  • Promuovere ricerca e sviluppo incentrata sui bisogni dei paesi a basso e medio reddito;
  • Garantire che un maggiore accesso all’insulina sia accompagnato da una diagnosi tempestiva e dall’accesso a dispositivi convenienti per il monitoraggio della glicemia e l’iniezione di insulina;
  • Utilizzare le risorse sanitarie con saggezza selezionando l’insulina umana ove possibile e stanziando fondi adeguati per fornire un pacchetto completo di cure.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche

News

Cover stories

Iscriviti alla Newsletter