Pnrr e Missione 6 Salute: il portale del Ministero per monitorare le riforme

Un nuovo portale web ad hoc utile a far conoscere nel dettaglio le misure, i finanziamenti, la documentazione e lo stato di attuazione delle riforme collegate alla “Missione Salute” del Pnrr, la numero 6.

Abbiamo scelto di puntare su una sanità di prossimità, più vicina alle persone e radicata sul territorio. La rete di assistenza si svilupperà secondo un nuovo modello organizzativo, che individua standard strutturali e tecnologici uniformi su tutto il territorio nazionale, promuovendo una nuova strategia per la prevenzione in ambito sanitario e ambientale e compiendo un passo concreto per il superamento delle disuguaglianze. Con il Pnrr investiamo sull’ammodernamento tecnologico degli ospedali e la loro messa in sicurezza, sulla formazione, la ricerca e la telemedicina per avvicinare sempre di più il Servizio sanitario nazionale alle persone”, ha dichiarato il Ministro della Salute, Roberto Speranza. Al momento il portale non contiene il dettaglio delle misure regionali ma sono presenti solo le informazioni sulle macro riforme.

Cosa prevede il Pnrr su Missione 6

Il Pnrr ha destinato alla Missione Salute 15,63 miliardi di euro, pari all’8,16% dell’importo totale, per sostenere importanti riforme e investimenti a beneficio del Servizio sanitario nazionale, da realizzare entro il 2026. Ma complessivamente le risorse straordinarie per l’attuazione del Pnrr e il rinnovamento della sanità pubblica italiana superano i 20 miliardi di euro. Tra queste, le risorse messe in campo dall’Italia con il Piano nazionale per gli investimenti complementari al Pnrr (PNC), che destina alla salute ulteriori 2,89 miliardi di euro.

Aree di intervento

Gli interventi della Missione Salute del Pnrr, da raggiungere entro il 2026, si dividono in due aree principali:

1 – ridisegnare la rete di assistenza sanitaria territoriale con professionisti e prestazioni disponibili in modo capillare su tutto il territorio nazionale, per una sanità che sia vicina e prossima alle persone;

2 – innovare il parco tecnologico ospedaliero, digitalizzare il Servizio sanitario nazionale, investire in ricerca e formazione del personale sanitario per una sanità più sicura, equa e sostenibile.

In quest’ottica gli interventi della Missione Salute sono divisi in due Componenti, ognuna delle quali prevede una Riforma e specifici Investimenti.

Componente 1 – Reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale

Componente 2 – Innovazione, ricerca e digitalizzazione del servizio sanitario nazionale

Le risorse per la Salute

Le risorse messe in campo per la Salute in Italia dal 2021 al 2026:

15,63 miliardi di euro dal Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (RRF), uno dei due principali fondi che alimentano il programma Next Generation Europe e la principale risorsa della Missione Salute nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza;

2,89 miliardi di euro dal Piano Nazionale per gli Investimenti Complementari al PNRR (PNC), istituito dal Governo italiano per integrare e potenziare i contenuti del PNRR, di questi 2,387 miliardi sono assegnati al Ministero della Salute;

1,71 miliardi di euro dal Pacchetto di Assistenza alla Ripresa per la Coesione e i Territori d’Europa (Recovery Assistence for Cohesion and the Territories of Europe – REACT-EU), altra linea di finanziamento dell’Unione Europea nell’ambito del programma Next Generation Europe per sostenere la ripresa negli Stati membri dopo la pandemia da Covid-19;

625 milioni di euro in collaborazione con il Ministero per la coesione territoriale, sono i fondi dell’Unione Europea per il Programma  Nazionale – Equità nella Salute, il primo finanziato attraverso il programma di coesione dell’UE destinato a potenziare la salute in sette Regioni del Mezzogiorno.

Queste risorse si aggiungono al finanziamento pubblico del Servizio sanitario nazionale che per il 2022 ammonta a 124 miliardi di euro e per il quale è prevista una crescita negli anni successivi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche

News

Cover stories

Iscriviti alla Newsletter