Prevenzione, solo un italiano su tre fa controlli regolari: i dati di una ricerca nazionale

Italiani e prevenzione, un binomio che mostra dati decisamente migliorabili: è quanto emerge dall’ultima ricerca dell’Osservatorio Sanità di UniSalute in collaborazione con Nomisma, che ha indagato la propensione degli italiani a tenere sotto controllo il proprio stato di salute.

Il quadro e i deficit

Il quadro che emerge è quello di una diffusa trascuratezza, con la pandemia che ha inferto un colpo significativo alla frequenza di visite ed esami specialistici per la prevenzione. Stando alla ricerca, solo un italiano su tre (33%) fa controlli regolari per monitorare il proprio stato di salute; l’atteggiamento prevalente è quello di curarsi soltanto quando si inizia a soffrire di un disturbo o di una malattia, un’attitudine condivisa da quasi un italiano su due (48%). E se in molti confessano di rimandare le visite quando hanno un problema trascurabile (46%), alcuni (13%) dichiarano esplicitamente che preferiscono farne il meno possibile. Non deve stupire dunque che la maggioranza degli italiani (54%) non abbia mai svolto un controllo basilare come la visita dermatologica per la valutazione dei nei.

La pandemia ha poi ulteriormente abbassato il livello della prevenzione: negli ultimi due anni un controllo su cinque (20%) è stato annullato, e quasi uno su tre (29%) rinviato, per un totale di quasi una visita su due saltata o comunque ritardata. Nella maggioranza dei casi (circa 6 su 10) ciò è avvenuto per decisione della persona stessa. In particolare, a soffrire maggiormente è stato soprattutto l’esame di prevenzione per eccellenza, ovvero le analisi del sangue: quasi una volta su quattro (24%) questo controllo, fondamentale per la diagnosi di tantissime malattie, è stato rinviato o annullato.

Guardando alle motivazioni, risulta evidente come tutto ciò sia una conseguenza diretta dell’emergenza sanitaria: il 38% di italiani che ha fatto meno controlli negli ultimi due anni, infatti, motiva la scelta o con la volontà di evitare le strutture sanitarie (21%), temendo un possibile contagio, o citando i tempi più lunghi causati dalla pandemia (17%). Considerando solo l’ultimo anno, consola comunque riscontrare come la grande maggioranza del campione (83%) sia andata almeno una volta dal proprio medico di base.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche

News

Cover stories

Iscriviti alla Newsletter